PSEUDO *DIRITTI UMANI*

In realtà i diritti umani, così come concepiti e applicati nelle assise legislative, si piegano a compromissorie riforme normative che rendono sempre più relativista e nichilista la società civile, diventando così, a tutti gli effetti, solo una ideologia contro l’uomo.

Una ampia e aggressiva strategia posta in essere oramai da anni dalle principali organizzazioni internazionali, ONU in primis.

Alla nozione di diritto fondata da Aristotele e innervata nel pensiero cristiano, la cui base sono i concetti etici di bene e giustizia secondo la *RAGIONE* comune, se n’è sostituita un’altra di tipo individualista e nichilista, eugenetico , ora *anti* ora *mercantil*-natalista.

Non si può fare a meno di costatare come da tempo sia in atto un’aggressiva campagna di guerra tesa a scardinare radicalmente i principii della *RAGIONE* umana, del diritto naturale e del cristianesimo che hanno contribuito nei secoli a gettare le radici della convivenza civile secondo il principio della centralità della persona umana, in nome di una *SOCIETA’ LIQUIDA* che rifiuta a priori di riflettere sui presupposti etici COMUNI della legge, piegandola così a favore di un’ideologia ferocemente INDIVIDUALISTA e quindi contro l’uomo.

UMANITARISMO

L’autentica nobiltà comporta la subordinazione di tutto ciò che è umano a ciò che è al di sopra dell’uomo. Questo è il senso dell’umanesimo cristiano che non va mai confuso con l’umanitarismo. L’umanitarismo attinge al cristianesimo, ma lo distorce radicalmente nel processo. Tende a vedere l’uomo come “misura di tutto” e a dimenticare le dimensioni trascendentali, oltre alla consapevolezza del peccato o dei limiti, poiché tende a dare la colpa del male e della criminalità a strutture sociali “ingiuste” nella più ottusa inconsapevolezza delle strutture psichiche di base tendendo così a mescolare moralismo e relativismo in modo veramente tossico.
Oggi, infatti, la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo del 1948 che, nel secondo dopoguerra, ha costituito la fonte di legittimazione dell’attività dell’Onu sta cedendo il posto a un nuovo catalogo di “diritti” come l’aborto, la contraccezione, l’eutanasia, l’educazione sessuale obbligatoria, l’orientamento sessuale fondato sul “gender”, la “salute riproduttiva” e i cosiddetti “diritti riproduttivi”» che «sono le parole d’ordine delle recenti politiche demografiche dei principali organismi internazionali, Onu e Unione europea in testa.
Vien da pensare che avesse ragione già Emmanuel Kant :
“Se il cristianesimo un giorno dovesse arrivare a non essere più degno di amore […] allora il pensiero dominante degli uomini dovrebbe diventare quello di un rifiuto e di un’opposizione contro di esso; e l’anticristo […] inaugurerebbe il suo, pur breve, regime (fondato presumibilmente sulla paura e sull’egoismo). In seguito, però, poiché il cristianesimo, pur essendo stato destinato a essere la religione universale, di fatto non sarebbe stato aiutato dal destino a diventarlo, potrebbe verificarsi, sotto l’aspetto morale, la fine (perversa) di tutte le cose.”

UNIONE EUROPEA

“Bukovskij elenca quelle che considera le analogie. Per esempio: L’Unione Sovietica era governata da quindici persone non elette che si attribuivano incarichi l’un l’altro e che non erano tenuti a rispondere a nessuno. L’Unione europea è governata da due dozzine di persone non elette, che si attribuiscono incarichi l’un l’altro […] non devono rispondere a nessuno e che non possiamo rimuovere. Uno potrebbe dire che l’Unione europea ha un Parlamento eletto. Be’, anche l’Unione Sovietica aveva una specie di Parlamento, il Soviet Supremo, che si limitava a timbrare le decisioni del Politburo più o meno come fa oggi il Parlamento dell’Unione europea.”

“In Urss si negava la libertà di pensiero e di parola con una pesante repressione. Ma Bukovskij sostiene che nell’Unione europea c’è «un gulag intellettuale chiamato politically correct» per cui, quando qualcuno cerca di esprimersi su certe questioni, «se le sue opinioni differiscono da quelle approvate, viene ostracizzato. Questo è l’inizio del gulag, l’inizio della perdita della libertà».”

SALDINE BRAIN
….ma tu c’arrivi a capirlo che l’EMOTIVISMO (cioè il parlare di pancia a Destra e di culo a Sinistra…vedi, ad esempio l’ultimo post DIRITTI UMANI*) è frutto di quel POSTMODERNO frutto della vostra demenza idealista-positivista ( di cui tu sei l’emblema perfetto) a cui consegue quel NICHILISMO da cui si origina quell’EMOTIVISMO che tu, non capendo un emerito cazzo di te stesso, sai solo PROIETTARE….ooooooooo beata stupidità………….
PS : *Ma sta’ stronzata de “Diritti umani trans” che la nostra sessualità è quella che abbiamo nel cervello, chi l’ha inventata ? Uno psicotico, immagino, ovviamente !!

https://www.corriere.it/cultura/19_dicembre_20/j-k-rowling-polemica-tweet-transgender-l-inghilterra-s-interroga-c74d2614-2301-11ea-9189-a2953c09c353.shtml?fbclid=IwAR2jFpqlJ7J8RYKLCabjY9IdszV3oAwcx2_L5KbDLvTELmn7zm6a8izSd-g

PSEUDO *DIRITTI UMANI*ultima modifica: 2019-12-19T12:00:53+01:00da allan11
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento