SENZA VITA

Da quando il sesso è stato separato dalla vita, nella cosidetta “rivoluzione sessuale”, siamo circondati da transfughi zombie in cerca di identità; corpi senza vita che, poggiati sull’etereo *godimento* sono così consegnati ad una sorta di destino artificiale..

Senza più il tempo per cercarsi una identità negli archivi della memoria, o in un progetto o in un avvenire, resta loro solo una memoria istantanea, un collegamento immediato, una sorta di IDENTITA’ PUBBLICITARIA che possa verificarsi sul momento stesso. Così quel che si cerca oggi è uno splendore effimero, pubblicitario del corpo.

Essere se stessi diventa questa performance solo effimera, senza domani; un manierismo disincantato in un mondo senza maniere…

Dato che non è più possibile trarre argomenti dalla propria esistenza, non resta altro che fare ATTO DI APPARENZA senza preoccuparsi di essere,

Non già “esisto”, “sono qui”, bensì “SONO VISIBILE”, SONO IMMAGINE” !!

Non è neppure narcisismo, è un’estroversione senza profondità, una sorta di ingenuità pubblicitaria in cui ciascuno diventa l’impresario della propria apparenza in risposta al fondamentale interrogativi generati da questa sessualità scissa dal *bios*, dalla vita stessa : “SONO UN UOMO O SONO UNA DONNA ?”

In quest’epoca di simulacri erotici alla rinfusa è il kitsch transessuale l’apice della gloria. Pornografia postmoderna dove la sessualità si perde nell’eccesso teatrale della sua ambiguità di esseri artificiali , genetica barocca di transfughi del sesso.

Liberamente tratto da Jean Baudrillard : “La trasparenza del male”https://i.pinimg.com/originals/68/89/77/688977f960a54e198d84811f62beeae6.jpg

SENZA VITAultima modifica: 2019-01-19T19:10:58+01:00da allan11
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento