Love Is Love

Prima di chiederci se l’ordinamento giuridico debba offrire un riconoscimento all’«amore» occorre riflettere su che cos’è l’amore. La questione sembra ovvia, ma non lo è. Riassumendo un dibattito assai più complesso, possiamo dire che la parola «amore» è usata con riferimento a tre fenomeni psicologici e sociali che non coincidono fra loro: A) L’attrazione e l’intesa sessuale (venus). B) L’attrazione … Continua a leggere

Berlusconeidi

SIAMO TUTTI PUTTANE Quando la società era statica, immobile, e la ricchezza era esclusivamente dovuta alla nascita e al censo l’INVIDIA era arginata dalle condizioni del destino. Oggi, che invece, il merito è frutto della propria abilità be…n pochi accettano serenamente la loro INFERIORITA’. Non resta allora che razionalizzare la propria invidia con categorie morali con onestà, rigore, incorruttibilità dovute, … Continua a leggere

Ayatollah giuridici, Neuroscienza & Fallacia narrativa

Chi afferma che un giudice emette sentenze in modo freddo e asettico senza risentire di emozioni, cultura, educazione, convinzioni ignora la base elementare della psicologia… e non tiene conto delle recenti acquisizioni su pensiero e e consapevolezza emerse dalle scoperte nel campo delle neuroscienze…. il contenuto razionale e di consapevolezza segue e NON precede precede un’azione o un pensiero preso … Continua a leggere

Dio è morto…

LA FINANZA E’ VIVA E GLI AYATOLLAH GIURIDICI VEGLIANO … http://www.digef.uniroma1.it/sites/default/files/docenti/romano/materiale-didattico/introduzione-romano.pdf SU QUESTA NUOVA “RELIGIO CIVILIS NICHILISTA” http://oltreilvuotorelativista.myblog.it/archive/2013/05/28/religione-civile-oggi.html E certo bisogna essere ben stupidi per non accorgersi del FONDAMENTALISMO della “RELIGIO CIVILIS” con i loro AYATOLLAH giuridici che scavalcano i politici qui come in America. Siamo in una nuova INQUISIZIONE ma la gente vede ancora solo quella di ieri ed è … Continua a leggere

Ermeneutica del “senso comune”

SENSO COMUNE Non è il pensiero che debba “fondare” alcunché, perché la funzione naturale del pensiero è di riconoscere il fondamento che c’è. L’accettazione del senso comune (http://www.treccani.it/enciclopedia/senso-comune_(Dizionario-di-filosofia/) equivale a rinunciare alla pretesa di costruire l’edificio filosofico con un fondamento “posto” dalla filosofia stessa, che si vorrebbe autosufficiente, priva di presupposti.   Gadamer http://books.google.it/books?id=maUxyXSmz3sC&pg=PA158&lpg=PA158&dq=gadamer+senso+comune&source=bl&ots=rc3dQqq7Zm&sig=4lZI6TCOOaH-UndbheJTZvOrK6c&hl=it&sa=X&ei=lUvMUb6sFMfxOtuGgJAN&ved=0CC8Q6AEwAA#v=onepage&q=gadamer%20senso%20comune&f=false   Phronesis http://it.wikipedia.org/wiki/Phronesis

Non sono cattivi…

La gente non è cattiva ma idiota ! E’ ben diverso La malvagità presuppone un certo spessore morale, forza di volontà e intelligenza. L’idiota invece non si sofferma a ragionare, obbedisce all’istinto come un animale nella stalla, convinto di agire nel bene e di aver sempre ragione.   C.R.Zafòn

Antigone : il Desiderio radicale

All’interno di questo quadro, la figura e l’opera di Sigmund Freud si configura come il più importante termine dialogico e dialettico della riflessione ricœuriana. Non solo perché «il confronto con Freud e la psicoanalisi» consente – secondo Cucci – «di impostare il discorso etico come caratterizzato anzitutto dal desiderio, e precisamente dal desiderio di una vita riuscita, mettendo in discussione … Continua a leggere