LA CRIMINALE BUFALA GENDER

La *Sessuazione*, termine utilizzato principalmente da Jacques Lacan ma reperibile originariamente in alcune formulazioni di Freud, è quel processo inconscio che si svolge parallelamente alla crescita e che contrassegna le varie tappe che permettono a un soggetto di assumere l’identificazione con il proprio sesso e differenziarlo dall’altro sesso.
Quasi due decenni è il tempo che occorre a un individuo per assumere psichicamente il sesso che la natura gli ha assegnato.
La Sessuazione avviene, secondo Freud, in due tempi.
Il primo inizia tra i due e i cinque anni. In questo primo tempo la sessualità confina con le attività indispensabili alla sopravvivenza, ossia la fase *Orale* e *Anale*, mangiare ed evacuare.
Solo nel secondo, che subentra solo nella pubertà, dopo un periodo di *Latenza* di anni, , il soggetto è spinto dalla terza fase, quella *Fallica*, ad affrontare l’assunzione di un sesso, maschio o femmina.
Il primo tempo riguarda una dimensione orizzontale, in cui è in gioco la sopravvivenza e l’autoconservazione dell’individuo; mentre il secondo tempo, grazie all’accesso alla *Genitalità*, è una dimensione verticale in cui , propriamente, si sviluppa la relazione con l’altro sesso che assicura la sopravvivenza della specie.
Il processo di sessuazione, che SI SVOLGE A LIVELLO INCONSCIO, è qualcosa di imprescindibile per intendere e situare il tema dell’*Identità sessuale*.
Non può quindi essere considerata come una COSTRUZIONE SOCIALE, come un assemblaggio smontabile a seconda della volontà del soggetto.
L’INCONSCIO NON SI PUO’ DECOSTRUIRE perchè è già strutturato, abitato come da una memoria inattingibile.
L’IDEOLOGIA GENDER, viceversa, NON IPOTIZZA ALCUNA FORMA DI INCONSCIO e di memoria: tutto dovrebbe essere determinato dalla scelta del soggetto, dal suo individualismo estremo
Il *processo di Sessuazione* è quindi AGLI ANTIPODI del *costruttivismo* su cui si basa l’ideologia Gender.
Quest’ultima, dimostra solamente la colonizzazione mentale di provenienza dal pragmatismo americano e della modalità onnipotente-Comportamentista di considerare l’Io, nonché dalla sconfessione di una dimensione storica ineludibile.
Dunque l’individuo non ha la possibilità di cambiare l’evidenza biologica, anatomica, fisiologica, perchè queste sono già inscritte nella carne del suo inconscio in un tempo remoto, quando il soggetto nemmeno poteva dire di esistere o di poter riconoscere e nominare se stesso ( > Stadio dello specchio).
L’assunto ideologico Gender, secondo cui l’individuo può scegliere il genere a cui appartenere è una sconfessione del naturale processo di sessuazione; FA COME SE NON ESISTESSE !!
Ciò può essere ipotizzato solo attribuendo all’Io e ai suoi desideri materialistici, una potenzialità narcisistica che non ha alcun riscontro con la realtà.
In altri termini l’ideologia Gender ipostatizza il soggetto dotandolo di una onnipotenza narcisistica che va di pari passo con le promesse di nuovi scenari biotecnologici.
Voler scardinare l’evidenza biologica, superare la natura (physis) va molto al di là di una semplice pretesa. Implica il sovvertimento, dal punto di vista antropologico, di un sistema simbolico che norma la società e rende possibile il funzionamento stesso della civiltà: la differenza dei sessi, lo statuto del padre, di madre e di figlio, le identità sessuali, la struttura della famiglia, il principio dell’incesto ( Claude Lévi-Strauss) e molto altro.

https://ae01.alicdn.com/kf/HTB1I6qWLpXXXXaKXpXXq6xXFXXXz/Hot-Buffalo-Love-Cute-Wild-font-b-Animals-b-font-Strong-Bison-font-b-Rocky-b.jpg

LA CRIMINALE BUFALA GENDERultima modifica: 2016-10-27T15:38:30+02:00da allan11
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento