Mimesi in Freud

“[…] E’ chiaro che i bambini ripetono nel gioco tutto quello che nella vita reale ha suscitato in loro una forte impressione, è vero che così facendo abreagiscono la forza dell’impressione e diventano per così dire padroni della situazione. Ma d’altro lato è evidente che tutto il loro giocare è influenzato da un desiderio che domina quest’epoca della loro vita: il desiderio di essere grandi e poter fare quello che fanno i grandi.”

S. Freud, Al di là del principio di piacere, cap.2, 1920.

Mimesi in Freudultima modifica: 2014-04-20T00:23:49+02:00da allan11
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento