Atei & Credenti

Noi viviamo in un Universo dove tutto è “regola, ordine, forma”
Ma noi avvertiamo anche, al fondo delle cose, un che di “sregolato” : il caos creatore dal quale ogni cosa è scaturita e al quale, forse, ritorneremo.

Rimane cioè oscuro come il tutto abbia avuto inizio e che cosa esattamente abbia avuto inizio.
Su questo, atei o credenti, partono tutti dallo stesso punto.
C’è caos ma c’è anche ordine.
Brutto e bello convivono.
Orrore e meraviglia.

Anche l’ipotesi Dio deve prima, da quel fondamento oscuro, caotico, che Egli stesso è, svolgersi e trasformarsi nel Dio ordinato della luminosità.
Dall’oscuro alla luce, quindi.
Ma resta il fatto che quell’oscuro permane anche nella luce, come, ad esempio, la nostra infanzia permane nella età adulta ed è incancellabile.
Così è anche di Dio.
L’aspetto negativo della Sua potenza poteva restare sregolato e caotico, ma poteva anche, come di fatto è avvenuto, trasfigurarsi in ordinato e luminoso

Insomma, anche di Dio si può affermare : “L’oscurità lo precede, la chiarità erompe solo dalla notte della sua essenza”
Se in Dio fosse presente soltanto questo aspetto dell’essere, non ci sarebbe stata creazione. Nessuna luce sarebbe trapelata all’esterno. Tutta l’immensa energia sarebbe rimasta raccolta in sè.
Dio sarebbe rimasto chiuso in sè. Oggi, diremmo, sarebbe rimasto un “buco nero”.

Ed ecco che siamo arrivati dove le strade dell’ateo e del credente si dividono.
Solo ora. Non prima

Qualunque uomo è contemporaneamente legato sia a questo “buco nero”, a questo “principio notturno” di Dio stesso, alla Sua incompletezza caotica, ma ha, contemporaneamente la Sua stessa possibilità di evolversi luminosamente.
E’ solo questa possibilità che il credente coglie e l’ateo rifiuta che fa la diferenza.

Concludo richiamando l’attenzione, per fini ulteriormente esplicativi, ad un capolavoro, che adoro, della cinematografia italiana : “La dolce vita” di Federico Fellini.
Nella scena finale questo concetto è perfettamente quanto artisticamente espresso :
Marcello Mastroianni, dopo una serata caotica, si ritrova sulla spiaggia di Fregene con tutti i suoi amici, ad aspettare l’alba.
L’attenzione di tutti viene improvvisamente attratta dai pescatori e la stranissima preda capitata nella loro rete.
E’ un mostro, simbolo di caos e disordine come è facile intuire.
Laura Betti lo esclama con chiarezza.
Ad un certo punto, Mastroianni, alter ego di Fellini, si allontana tra l’indifferente e il rassegnato….quando sente una voce che lo chiama:
“Ehiiiiiiiiiiii…”
Lui si vuolta ma fatica a sentire cosa gli dice quella ragazza (Valeria Ciangottini), di là dal fiumiciattolo, che lo chiama e lo invita a seguirlo.
“Non sento…non sento” risponde Marcello
Lei gli fa segno….vieni…io e te….andiamocene via…..
Ma lui, come un essere profondamente rassegnato e incapace oramai di vivere e reagire
“Non sento…non si sente…”
“Cerca di capire” gli fa segno lei con le mani.
Ma lui non capisce e, allargando le mani, rassegnato rinuncia a seguirla e si allontana tristemente.
E lei lo guarda e lo saluta, sorridente, con la mano.
E lui si allontana con la “zoccolona” di turno mente lei lo guarda mesta.

Ecco, in questa scena c’è tutta la tragedia dell’ateo che non riesce a distaccarsi dal caos e dal disordine, il mostro, per,…passare all’altra sponda, il fiume, e andarsene con …la grazia, la gioventù, la bellezza restando per sempre impantanato in quella “Dolce vita” che di dolce non ha più assolutamente nulla per lui ma che non riesce ad abbandonare per…..evolversi verso l’aspetto luminoso.
Spero di essere stato sufficentemente chiaro. In caso contrario le domande sono molto gradite che tanto non mi stancherei mai di parlare di questo meraviglioso film…..dove…in fondo, c’è già tutto quello che c’è da dire e da capire. 🙂

La Dolce Vita-Fellini-Finale
Marcello(Mastroianni)dopo una festa tra vip,va sulla spiaggia con i suoi amici,attratti da un “mostro”…Lì scorge una giovane ragazza,ultimo simbolo di purezza e speranza,che tenta di parlargli…Ma ormai Marcello ha scelto un’altra strada…”la dolce vita”

https://www.youtube.com/watch?v=6Opglbu1NTY

Atei & Credentiultima modifica: 2013-11-06T02:28:00+01:00da allan11
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento