C’erano una volta gli omosessuali

C’erano una volta gli omosessuali. Erano buoni, carini, educati, gentili e timidi. Alcuni erano famosi come Paolo Poli che mia madre adorava. Altri solo spiritosi ma che sapevano ridere di sè stessi. Le femmine venivano chiamate “les biches”, “le cerbiatte”, per i loro modi raffinati e sempre un po’ spaventate da tutto come le cerbiatte, appunto. Non ricordo di averli mai sentiti appellare da qualcuno in modo volgare. Al massimo un risolino sotto i baffi ma niente di più. Erano una categoria di persone inoffensiva e chi li dileggiava si distingueva dai più ma solo in negativo. Non è mai stato da persone educate prenderli in giro. Non davano nessun fastidio. Sempre pronti, per altro, al gioco, al riso, alla compagnia senza doppi fini ma riservati e pudici della loro diversità.

Poi i tempi cambiarono

Dopo il ’68 diventarono di moda. Divenne anche una prova di disinibizione avere esperienze omosessuali. Sia tra maschi che tra femmine. Ma era solo per dar prova di superiorità e non per autentico trasporto. La moda, si sà, genera imitazione. E l’omosessualità cominciò a pavoneggiarsi. Nel generale fraintendimento della “rivoluzione sessuale” le parti si invertirono e chi prima era timido ora diventava orgoglioso. Esaltati da schiere di ammiratori, che quando poi si ritrovavano tra loro non esitavano a deriderli e dileggiarli, in loro presenza facevano a gara ad adularli con una perfidia della quale loro erano gli unici a non accorgersi. Non si esce dai propri pregiudizi per moda. Per moda si può solo fingere.

E così arriviamo all’oggi dove dell’omosessualità di un tempo non v’è rimasta traccia. Ora domina l’arroganza, la prepotenza, il pretendere la luna, l’impossibile, l’insensato come matrimoni e figli.
Inutile provare a ragionarci. Ora a quegli ipocriti ammiratori si son sostituiti un altro genere di ipocriti : i Potenti.
Per un cinico calcolo utilitaristico li blandiscono in tutti i modi essendo la loro oramai diventata una lobby potentissima ed estremamente ricca.
Una lobby in grado di muovere molti voti e di agire sul mercato facendo o disfando holding economiche molto potenti.
Con boicottaggi e denunce legali sono in grado di muovere le montagne.
E ci riescono.
Ma non si accorgono che anche costoro, i potenti che li blandiscono, sono come gli adulatori di un tempo.
Non si esce dai propri pregiudizi per interesse. Per interesse si può solo fingere.

Ma la feroce demenza dell’omocrazia scava ogni giorno fossati d’odio.
E di questo pericolo pare non accorgersi nessuno.
Non si genera nulla con le rivoluzioni perchè, sotterraneamente, gli uomini rimangono sempre gli stessi se non c’è qualcosa che autenticamente li unisca, li renda fratelli.
E questo non lo si raggiungerà mai con le Leggi, le imposizioni, le proibizioni di un potere coercitivo senza phatos ma solo hybris.
E l’hybris non ha mai generato nulla di buono da che mondo è mondo.

Se avessi un figlio omosessuale, o un amico omosessuale, gli consiglierei ora più che mai di restare nascosto.
Perchè oggi è peggio di ieri.
Molto peggio.
E peggiorerà ancora.

C’erano una volta gli omosessualiultima modifica: 2013-09-29T23:02:14+02:00da allan11
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento