LO SCOGLIO

LO SCOGLIO

In questa *liquidità* dove *Le Sardine* nuotano a proprio agio, mai nome fu più azzeccato, sta venendo in superficie qualcosa di inaspettatamente *solido* nonché sempre più consistente :
LO SCOGLIO.

Forse sarà che, contrariamente alle aspettative gretine, le acque si stanno ritirando, forse una bassa marea inaspettata e prolungata, forse una riedizione del *MITICO RIFLUSSO* degli anni ’80 che doveva segnalare una temporanea battuta d’arresto del Comunismo, come infatti avvenne…sic…,https://www.rollingstone.it/wp-content/uploads/2017/04/GZJY8J.gif
sta di fatto che la storica alleanza tra l’acqua, i liquidi e la Sinistra si trovano nuovamente in una di queste secche che non le portano per nulla bene.

Pare, infatti, che sempre più persone attracchino, di preferenza, allo scoglio, stanco di lasciarsi trascinare dagli eventi atmosferici come burattini.
Meglio un bel SOLIDO e TRADIZIONALE punto fermo come quello che *IL CAPITANO* ha individuato per primo nella cecità generalizzata che, si sa, i pesci, da quelli rossi alle sardine, non hanno fama di brillare per acume né visivo né intellettivo.

Del resto di scogli ne stanno venendo a galla di tutti i colori in tutta Europa : in Francia gialli, in catalogna giallo-rossi indipendentisti o che alzano la Vox, neri in Germania ed Olanda, per non dire di Polonia e/o Ungheria oramai completamente prosciugate da tempo.

Lasciate quindi che le care Sardine nuotino garrule finché c’è ancora liquidità.
Ci penserà l’Estate a prosciugare le ultime, residue, pozzanghere.

NUOVO PENSIERO

Quello che si profila all’orizzonte, già da qualche tempo, più che lo scontro tra Europeisti e Populisti, Clintoniani e Trumpiani, NoBrexit e Brexit eccetera…fino a Sardine & Gattini pare proprio essere, invece, il declino del PENSIERO DEBOLE tout court per contro ad un PENSIERO FORTE risorgente.

Coerentemente, visto in una ottica “debolista”, si può anche comprendere come questo “pensiero forte” venga letto come “rigurgito fascista”, nell’ottusità massmediatica, stante la premessa di detto “debolismo”, autoproclamatosi “non violento” per statuto intrinseco quando è, invece, più violento di qualunque altro nella sua pretesa ASSOLUTISTA.

Come già detto è uno scontro tra la “liquidità” generata dal primo tipo di pensiero per contro la “solidità” a cui si richiama il secondo nell’erigere *LIMITI*, *confini*, *valori* attinti prevalentemente dalla TRADIZIONE e dalla RAGIONE per contro a quel CAOS relativista intriso di SENTIMENTALISMO IRRAZIONALE eufemisticamente definito, appunto, “liquidità”.

In fondo, quarant’anni di “debolismo sono già un bel record per un tipo di “pensiero” il cui successo è stato dovuto unicamente alla sua funzionalità perfetta al Neo-capitalismo finanziario ma che ora, al pari di quello, risente della sua insufficienza a dare risposte concrete nella crisi infinita attuale.

Un “Pensiero Forte” che ha avuto le sue prime avvisaglie già da qualche anno con il NO AGLI UTERI IN AFFITTO, che ha segnato la prima battuta d’arresto ETICA alla “liquidità” in salsa sessuale, che stava tracimando nella FOLLIA SCHIAVISTA e mercantile pari solo all’EUGENETICA NAZISTA.

Era inevitabile che qualcuno si svegliasse da questo lungo sonno della Ragione.

LA RICCHEZZA
Perseguirla o possederla sono gli unici valori esistenti.
Apparire tali è l’unica aspirazione.
Rovescio della medaglia di quel “consumismo” a cui permette di accedere illimitatamente. Soltanto.
Per il resto miseria umana dilagante.
Film, tv, giornali, riviste sono pieni di chi ce l’ha fatta.
Come non ha importanza.
Ora lacchè del potere, ora divismo trash, ora genietti di inutili Ap, tutti, comunque, accomunati dal sussiego che il denaro gli conferisce e regolarmente posizionati a Sinistra a garanzia che chi può toglierteli non lo faccia mai con loro. Un po’ come si è amici dei delinquenti sperando che così non vengano a rubare in casa tua e ti lascino in pace.
La fine dei sogni, delle narrazioni, ha lasciato gli uomini nudi.
Il postmoderno sta lasciando sempre più spazio al postumano.
Un essere senza interiorità ma solo la sua apparenza.
Solidarietà e amore come nuove maschere dell’indifferenza e dell’avidità soltanto, assurta a priori come inevitabile e fraintesa “Volontà di potenza”.
“Volontà di potenza” che è invece ESSERE e non avere o apparire.
Ma Nietzsche è ancora postumo.

TWEET
Contrariamente alle apparenze con il crollo del muro di Berlino è il Totalitarismo di stampo sovietico ad essere dilagato in Occidente

ESSERE GRECI
L’economia e la politica hanno tracimato e allagato ogni cosa.
I *massimi sistemi*, geopolitica, macroeconomia & company, saturano di nuove “narrazioni” il panorama degli argomenti.
Contrariamente a quanto si vuol far credere ci si muove, tutt’ora, in una sorta di neo-narrazione dai comuni tratti di *Totalità hegeliana*, dove, del SINGOLO, si ignora tutto (e dove, probabilmente risiedono le vere cause del Populismo), quasi che dopo un secolo di psicologia del profondo fossimo ancora nell’800 quando dell’umano non si sapeva quasi nulla e una opinione valeva una qualsiasi altra sull’uomo.
Ma nonostante il Sistema sia sempre più agonizzante e l’alienazione cresca proporzionalmente, ci si continua ad illudere che le soluzioni possano essere solo collettive trascurando pero di chiedersi chi si è veramente e cosa è necessario ad una “buona vita”, *autentica*, e non fatta solo di *apparenze*, in questa *regressione collettiva* che alla morte di Dio ci ha riportato al solo *stadio Estetico* di kierkegaardiana memoria dove, il solo risalire a quello *Etico*, pare una impresa impossibile.
Ma l’ulteriore *Stadio religioso* era così che si chiamava allora. Ora è lo “Stadio del Sé”, come viene correttamente definito dalla psicoanalisi contemporanea.
Lo “stadio dell’*autenticità*”, per usare una terminologia heideggeriana.
La “morte di Dio” ne ha solo modificato la definizione, precisandola.
Nient’altro, in realtà.
Ma la distanza dall’idea di Dio che tutto pervade tradisce soltanto l’alienazione dell’uomo postmoderno.
Non si sta parlando di Metafisica, ma della struttura umana profonda.
“Conosci te stesso”, raccomandavano i greci.
Mai siamo stati così lontani dai greci come ora !

LO SCOGLIOultima modifica: 2019-11-23T00:41:25+01:00da allan11
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento