RATZINGER

“Di fronte a una curia che, del tutto dimentica della propria legittimità, insegue ostinatamente le ragioni dell’economia e del potere temporale, Benedetto XVI ha scelto di usare soltanto il potere spirituale, nel solo modo che gli è sembrato possibile, cioè rinunciando all’esercizio del vicariato di Cristo. In questo modo la Chiesa è stata messa in questione fin dalla sua radice”

“Nella prospettiva dell’ideologia liberista oggi dominante, il paradigma del mercato autoregolantesi si è sostituito a quello della giustizia e si finge di poter governare una società sempre più ingovernabile secondo criteri esclusivamente tecnici. Ancora una volta, una società può funzionare solo se la giustizia (che corrisponde, nella Chiesa, all’escatologia) non resta una mera idea del tutto inerte e impotente di fronte al diritto e l’economia, ma riesce a trovare espressione politica in una forza capace di controbilanciare il progressivo appiattimento su un unico piano tecnico-economico di quei principi coordinati ma radicalmente eterogenei – legittimità e legalità, potere spirituale e potere temporale autctoritas e potestas, giustizia e diritto * – che costituiscono il patrimonio più prezioso della cultura europea.”

Giorgio Agamben “Il mistero del male” Laterza pag : 8 & 18

*
LEGITTIMITA’ & LEGALITA’
In senso più ampio, rispondenza alla giustizia e al diritto in senso ampio, o alla ragione, alla logica, ai principî morali, e in genere a norme e principî di natura non strettamente giuridica: l. di una richiesta, di una pretesa, di un rifiuto; l. di un’ipotesi; l. di un sospetto, di un dubbio; l. dell’uso di un vocabolo in un determinato significato.
Rispondenza alla giustizia, alla ragione, ai principi morali: la l. di una richiesta, di un’ipotesi

GIUSTIZIA & DIRITTO
http://www.filosofia.rai.it/articoli/barcellona-giustizia-e-diritto-2-di-4/31404/default.aspx?fbclid=IwAR3YjMsAgLqnP8XfWJ1tM_GPpGmO7vMRSAbALyNgGFsFMr_f-rxBMUMI_g0

AUTCTORITAS & POTESTAS (Autorità & Autoritarismo)
In sintesi: occorre partire da una chiara distinzione: auctoritas e potestas. L’auctoritas, nel suo significato originario, è indispensabile allo sviluppo e alla crescita dell’io-governo, individuale e collettivo. Senza io-governo ben formato, siamo in balia delle subpersonalità e delle altre forze dell’inconscio inferiore. Manca il cocchiere e i cavalli tirano il cocchio dove vogliono, fino a trascinarlo fuori strada. L’auctoritas, nel suo significato animico, è espressione di amore: è competenza, esperienza, saggezza, autenticità, unite a cura, dedizione, generosità, ascolto, rispetto. Tutte qualità dell’amore. L’auctoritas è espressione dell’io-governo in contatto con l’anima. Per definizione è leader naturale. Quando genitori e insegnati sono auctoritas, si obbedisce a loro in modo spontaneo perché si riconosce la loro superiorità, la loro maggiore esperienza e saggezza. Ma che cosa accade quando l’auctoritas si corrompe con la potestas? Quando l’amore si contamina con il potere? Si genera un doppio legame: il bambino o l’allievo, da una parte riconosce la superiorità del genitore o dell’insegnante, se non altro per età, forza fisica ed esperienza, ma dall’altra vede anche che cerca di opprimerlo e sottometterlo. Quindi si scinde in due parti: la prima si affida comunque, la seconda diffida. La prima crea un legame, la seconda opera per distruggerlo. Nello stesso bambino o allievo convivono sottomissione e ribellione. Di solito, una delle due diventa manifesta, l’altra rimane nell’ombra. Il conflitto è così instaurato ad un livello inconscio, automatico. Questo schema, se non viene disattivato, continua ad agire tutta la vita. L’io-governo rimane in sua balia. Molta energia vitale o energia creativa viene perduta in questo conflitto. Chi non ha avuto esperienza di vera auctoritas, ha difficoltà a generarla al suo interno. Quindi il cocchiere ha difficoltà a governare i cavalli. In questa luce vanno viste le barriere della comunicazione: sono tutte espressione di potestas che cerca di occultarsi dietro la facciata dell’auctoritas. Provo ostilità nei tuoi confronti, vorrei imporre il mio punto di vista, e allora comincio a confrontare in modo critico le tue opinioni, cercando di giustificare il mio criticismo con delle ragioni logiche. In realtà, delle tue opinioni non mi importa nulla, voglio solo che tu mi dia ragione e che riconosca la mia superiorità. La presunta ragionevolezza dei miei argomenti serve solo ad occultare la mia vera motivazione: dominarti, sottometterti. Molte discussioni rientrano dentro a questo schema.

POTERE SPIRITUALE & TEMPORALE
Il potere temporale si può definire tutto ciò che è legato alla vita terrena, quale potere politico, potere economico, ecc. Il potere spirituale e tutto ciò che è legato alla fede e a Dio.

RATZINGERultima modifica: 2019-03-21T01:14:40+01:00da allan11
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento