Inautenticità & Politica

Il “Politically correct” è il mondo della “inautenticità”
Le “Governance” la guidano
La “Finanza” la sue essenza
L’Europa Unita la sua creatura

“La nostra analisi si è limitata finora a ciò che si incontra nel mondo
come mezzo utilizzabile….. il modo di essere dell’Esserci che si incontra nel mondo è diverso dall’utilizzabile”

Il pericolo conseguente è quello di una vita inautentica.

Il pericolo, cioe’, di perdere l’autenticita’ del proprio essere, che e’ essere-per-la-morte, obliandosi nella vita inautentica del “si” impersonale, il “man” tedesco (“man sagt”=”si dice”, “man arbeitet”=”si lavora”, “man lebt”=”si vive”…). L’oblio della propria condizione d’essere, che e’ perdita del nostro stesso essere nel disperdersi nell’impersonalita’ delle faccende quotidiane.

La “cura” (“Sorge”), che per Heidegger significa la responsabilita’ che
ci assumiamo di fronte alle cose.

Il modo con cui ad esse ci si rapporta, puo’ essere autentica o inautentica Possiamo prenderci cura delle cose conducendo una vita inautenica, nella deiezione del vivere quotidiano: possiamo aver cura della nostra automobile, del nostro conto in banca, di tutto cio’ che ci serve per sbarcare il lunario, come se tutto cio’ costituisse l’unico senso della vita.

Oppure assumere verso le cose quella prospettiva piu’ distaccata per cui delle cose ci prendiamo cura nella consapevolezza del nostro essere-per-la-morte, in cui il nostro stesso essere consiste.

*Il* progetto è l’unica risposta : quello di trovare il senso autentico del proprio esser-ci, cioe’ del suo essere nel mondo; il problema del senso dell’essere da cui dipende il senso dell’esser-ci stesso, cioe’ dell’uomo e della sua esistenza, il suo essere gettato nel mondo.

Il DESIDERIO è la voce interiore del richiamo a questo progetto di autenticità
Ma l’autentico desiderio e non quello impersonale consumistico del solo “utilizzabile”

<>

(Heidegger, “Essere e tempo”, §26)

Inautenticità & Politicaultima modifica: 2018-09-12T12:38:49+02:00da allan11
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento