LA PSICOSI DELLA SINISTRA

Alla base dell’idea populista sta la reazione a quella di un uomo completamente folle portata avanti, sincronicamente, dalla idealizzante cultura dominante postmoderna e dal sistema capitalistico finanziario : L’ASTRAZIONE.

Il successo populista è dovuto, viceversa, ad una maggior rispondenza alla concretezza delle basi del sentire umano reale, pratico, autentico e senza sovrastrutture artificiali/ artificiose quanto sentimentaloidi soltanto.

Quest’uomo senza identità, come lo si vorrebbe, è invece una vera e propria categoria dello spirito soltanto, nel suo esser “nomade”, “deterritorializzato” e “cittadino del mondo”.

“Incrociandosi nella moltitudine, incrociandosi moltitudine e moltitudine, i corpi si mischiano, si mescolano, si ibridano e si trasformano; sono come le onde del mare in perpetuo movimento, in perpetua trasformazione reciproca”

Ma queste, oramai, restano solo fantasticherie che ricordano solo ben più “La leggenda della bambola di sale” buddhista che qualcosa di meno che nebuloso e senza sostanza.

E ancora :

“Nel comune non esisterebbero proprietari, né discriminazioni legati a criteri di razza, sesso, genere, nazionalità, religione. Tutte le identità avrebbero il diritto di esistere in quanto tali, mischiandosi, articolandosi e intrecciandosi liberamente, in un rapporto che non diventerebbe mai negativo perchè non implicherebbe mai la cancellazione delle singolarità così messe in relazione. La moltitudine non è la cancellazione delle differenze, bensì la loro permanenza, anche nelle esperienze di meticciato e di arricchimento reciproco. L’istituzione della famiglia sarebbe legittima solo nei casi in cui fosse liberamente scelta. La comunità prenderebbe a suo carico l’educazione dei bambini; non ci sarebbero né restrizioni né tabù concernenti le preferenze di genere, i modelli culturali propri a questo o quel mondo, le rappresenazioni dominanti; basterebbe accettare i principi di uguaglianza, libertà e rispetto.”

Ma oltre al plateale “Mito del buon selvaggio” qui racchiuso, nonchè la completa cecità sulla genesi della violenza su cui sorvoleremo, tutto ciò è solo PSICOSI discretamente ben sistematizzata e null’altro. Sono solo fantasie malate che per reazione generano l’odierna implosione della globalizzazione e relativa fenomenologia del Populismo.

Fermo restando , comunque, che qui, l’unica paura folle, ce l’hanno i detrattori che di detto Populismo hanno una vera e propria FOBIA e che, quotidianamente, cercano di inculcare tramite la loro propaganda ideologica e mediatica di suscitare la repulsione morale delegittimante montando il demone di turno : ora Trump, ora la Brexit, ora l'”onda nera” lepenista, ora ungherese, ora austriaca e, dulcis in fundo, Salvini.

La paura viaggia a mille. Ma è quella per questo Populismo inevitabilmente montante, non altra.

E adesso, cara Sinistra, comincia pure a pensare alla tua “ricostruzione” che voglio proprio vedere come te la caverai.

Rotfl

LA PSICOSI DELLA SINISTRAultima modifica: 2018-06-26T01:35:38+02:00da allan11
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento