IL FANTASMA DI DIO

La figura del Desiderio porta con sé quella del fantasma, così come la figura del fantasma porta con sé quella dello svanire.

Sarà questa anche la via di Nietzsche, «il primo a staccare il desiderio da qualunque oggetto» attraverso l’elaborazione del concetto di «volontà di potenza», inteso come un desiderio *causa sui*.

Il Desiderio che abita il soggetto umano non è, infatti, mai risolvibile nel bisogno di un oggetto. La “roba”, cioè, era e sarà sempre del tutto inadeguata a colmare quella mancanza che il Desiderio con insistenza afferma. Ma la “roba”…”conta”. “Conta” nel senso che Heidegger gli da’. Calcola. E in questo “calcolo” il Desiderio si trasforma in bisogno. E il mediatore di qualunque bisogno è il denaro.

Facendo il percorso a ritroso… con il denaro puoi acquistare qualunque oggetto di cui hai bisogno, con il quale ti puoi illudere di essere appagato, sbagliando però il bersaglio, credendo di aver appagato un Desiderio quando hai invece solo appagato un bisogno, ed ecco, infatti, che dopo un po’ svanisce, e, o replichi all’infinito, perchè nascondendo solo quel Desiderio che non è mai risolvibile sei solo corso dietro al suo fantasma, o ti svegli, ti fermi e capisci.

Per l’ennesima volta non si stanno qui perorando le Scritture.

Si sta’ solo spiegando la struttura psichica, quella più profonda, quella assoluta dentro di noi.

Comprensibile che l’uomo, nella sua fragilità e debolezza, si illuda di trovare un termine, una fine, a quel desiderio che lo assilla tutta la vita.

Non si sta’ maledicendo il denaro.

Si sta’ solo dicendo che è un fantasma, il fantasma mediatore di tutti i fantasmi.

Niente di male. Si può scegliere di appoggiarsi al fantasma del denaro, a condizione, però, di sapere che ci si sta ingannando e dissolvendo in quanto Desiderio.

Ma si può anche scegliere di pensare alla propria “anima”, prendendo di conseguenza le distanze dall’accumulo della “roba”, denaro e “united colors of fantasmi” vari.

IL FANTASMA DI DIOultima modifica: 2018-05-14T00:57:49+02:00da allan11
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento