STERILI DELIRI DI ORDINARIA FOLLIA

“Questo messaggio distorce il concetto di violenza di genere ed è, a tutti gli effetti, omotransfobico, poiché discrimina e stigmatizza le persone che non si conformano al binarismo di genere eteronormativo”.
“Il gender rientra in un universo meno rigido dove ognuno ha possibilità di declinare la propria personalità. Il livello di natura biologico è complesso. È scientificamente provato che non esiste un mondo binario in natura, figuriamoci a livello giuridico, morale. Il mondo è pieno di colori. Ci sono studi e ricerche che dimostrano come la natura biologica sia stata piegata e incanalata per scopi secondari, con concetti privi di fondamenti scientifici. Le semplificazioni ci servono come strumento puramente descrittivo ma illudersi che siano così netti è davvero ridicolo”

Ora, questo bus che va in giro dicendo l’ovvietà più ovvia che ci sia e andrebbe messo in galera perché offende trattando la gente come dei deficienti stante la banalità di quello che dice…invece no…perché scopriamo che “non esiste un mondo binario in natura” e che “studi e ricerche che dimostrano come la natura biologica sia stata piegata e incanalata per scopi secondari, con concetti privi di fondamenti scientifici.”
Premesso, quindi, che sorge il divorante desiderio di conoscere cotanti scienziati…ma cosa dico…lo spasmodico e bruciante sogno di vedere almeno che faccia abbiano che dei loro illuminati e leggendari scritti non se ne trova traccia…premesso questo, dicevo, sorge solo il dubbio di come si sia evoluta la razza, non solo umana ma animale e vegetale stessa…senza dimenticare i pesci e le vongole…se non attraverso il famigerato binarismo di genere.
Forse per immacolata concezione ?
Mah…

Con questo lancinante dubbio vi saluto e vado a dormire anche se so già che mi rivolgerò nel letto fino all’alba con questo ferale incubo e la conseguente domanda che mi pongo :
MACCHECCAZZO DELIRANO QUESTI PAZZI STERILI QUI ?!?

STERILI DELIRI DI ORDINARIA FOLLIAultima modifica: 2017-09-25T01:34:55+02:00da allan11
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento