GRAMMATISIA PETULANTE

“Un altra cosa che lo deprimeva della retorica era la sua normativa, che in teoria era stata eliminata ma circolava ancora: niente errori di ortografia, di punteggiatura, di grammatica. Centinaia di regole petulanti per gente petulante. Nessuno avrebbe potuto ricordarsi tutta quella roba e allo stesso tempo concentrarsi su quello che stava scrivendo. Non era che un manuale di galateo, ispirato non a un senso di gentilezza, di decoro o di umanità, ma fondamentalmente al narcisistico desiderio di far la figura dei signori. I signori e le signore conoscono le regole del galateo e parlano e scrivono senza errori di grammatica. Non sono forse questi i segni distintivi dell’alta borghesia ?
Nel Montana le cose non stavano affatto così.
Le buone maniere erano il segno distintivo dei tonti pretenziosi dell’est. ”

Robert M. Pirsig
“Lo zen e la manutenzione della motocicletta”
Adelphi
pag:182

GRAMMATISIA PETULANTEultima modifica: 2017-08-21T14:54:18+02:00da allan11
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento