LA “SCELTA” OMOSESSUALE

La “scelta” omosessuale è probabilmente il modo con cui l’inconscio di un figlio o di una figlia “risponde” a qualcosa che si è strutturato in modo problematico e sistematico nel discorso della propria madre o del proprio padre. E’ come se qualcosa si fosse complicato, interrotto o fosse rimasto incompleto nel processo verso l’identità sessuale.

Un nodo essenziale concerne la vicenda dei genitori. Si tratta di una sorta di equazione in cui due interrogativi si incrociano: come una donna ha situato il suo desiderio di avere un figlio e come un uomo ha fatto i conti con il progetto di diventare padre. (Es: Madre possessiva e/o padre assente…giusto per dire i primi due)

In questi casi il figlio o la figlia sono costretti a giocare una partita molto difficile. Infatti non si tratta di una *scelta* ma di una situazione già prestabilita anche se la sua logica e la sua storia non sono immediatamente leggibili.

Questo scenario è psichicamente attivo nell’inconscio dei genitori non solo prima dell’ingresso del figlio o della figlia, ma risulterà funzionante in tutti gli anni successivi, per quasi due decenni.
Il figlio sarà concepito, arriverà, crescerà e si svilupperà immerso in questo scenario psichico in cui le identificazioni, i modelli, le relazioni, i sintomi, i pensieri, le fantasie, l'”impensato genealogico” costituiscono una “costellazione familiare” assolutamente decisiva.

E poi ci sarebbe molto altro ancora da dire.
Vedi, quindi, che è sicuramente “complicata” ma non così poi tanto “misteriosa” la “funzione psichica” che è all’origine, con tutta probabilità, della “scelta omosessuale”…..che…concludo qui, è poi sempre dettata dall'”Economia della psiche” (Freud) e relativi “vantaggi secondari” di quella “soddisfazione supplementare” dell’omosessualità che, comunque, manterrà inevitabilmente una natura doppia e ambigua dove sofferenza e tornaconto si mescolano in modo inestricabile.

PS: A “me mi” hanno radiato perché reclamavo il mio diritto-dovere di tener conto di detta *sofferenza”. Non ho mai detto che sarei stato in grado di risolverla ma di provarci era un mio dovere, nell’eventualità me lo avessero richiesto.
Ma loro hanno la testa di Nick.
Cosa ci vuoi fare ?!?

(…me & Neva su “it.cultura.filosofia” )

http://www.alessandrianews.it/immagini_articoli/201304/3153829833_ansia.jpg

LA “SCELTA” OMOSESSUALEultima modifica: 2016-09-29T01:37:04+02:00da allan11
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento