LA VIA DEL PARADISO

Fermarsi al mondo significa fermarsi all’orizzonte dell’io e alla legge del suo godimento, essere sorpresi nel mondo dal volto dell’altro significa imbattersi in ciò che è al di fuori dell’io e del mondo, nell’incontenibile e nell’invisibile, e risvegliarsi “al di là”.

MADRI

Mi si è chiesto di provare a spiegare come non deve essere una famiglia per non risultare patologica. L’esempio più semplice ma al tempo stesso profondo lo si può trovare in un bellissimo romanzo di C.S. Lewis “Il grande divorzio” che ha come sottotitolo “Un sogno”, che già, capite bene, da detto sottotitolo mi predispone quantomeno molto bene alla sua … Continua a leggere

Saveryø Tœmmasy (by Facebook)

14 marzo alle ore 20:03 · La verità è piuttosto “semplice”, ancorché spesso taciuta. Gli omosessuali sono le vere vittime delle associazioni lgbtqwerty. Perché la grande maggioranza dei ragazzi gay, data la normale confusione della loro condizione, sono portati sin da piccolissimi a frequentare gli ambienti dei movimenti omosessuali. Badate bene che non parliamo di timide associazioni di supporto morale … Continua a leggere

FILOSOFIE DELL’ALTRO

Freud e Lévinas paiono gli unici due ad essersi accorti del primato della relazione tra gli Altri e tra sé/Sé e gli Altri. Relazione che è l’altra faccia di quell’io che dall’infanzia, al coniuge e al figlio declina le tappe profonde dell’esistenza nella sua difficoltà a coniugarsi in quel *prospettivismo* alternativo alla malattia di Narciso da cui, a fatica, ci … Continua a leggere

IDEALISMO CAPITALISTA

La metasfisica occidentale è la manifestazione dell’egoismo naturale che costituisce il primitivo livello della vita umana. Arenata a quel “mio” che precede lo stesso “io” come nel lattante. Un mondo di “uomini bambini”, come svela il Siddharta di Herman Hesse, dediti a null’altro che l’infantile gioco di quel gigantesco “Monopoli” del commercio di qualsiasi cosa. Senza una Kamala che gli … Continua a leggere

DE CHIRICO PROFETA (by Germano M. Rosa)

Dall’”Il y a” al “Yin e Yang” al “Manichino” Il nome neutro , attributo di ciò che è ancora inanimato…”Il y a”…si caratterizza per il suo essere ne-uter, ovverosia “né l’uno ne l’altro”. Nel racconto della Genesi, Dio chiama all’essere le cose e i viventi separando gli elementi complementari (luce e tenebre, acque inferiori e acque superiori), nominando (e perciò … Continua a leggere

IL GENDER E’… (by Germano M. Rosa)

…la più coerente manifestazione di una tendenza fondamentale del nostro tempo. Proviamo a spiegarci meglio. La cultura gender esplicita e consolida il ruolo assoluto e preminente che l’individuo ha conquistato nel mondo contemporaneo. In certo senso, si può dire che esiste soltanto l’individuo, un individuo prometeico, che trova solo in sé stesso la legge del proprio sviluppo. Se nelle società … Continua a leggere

” IL Y A “

Né nulla né essere Brusio nella notte insonne Smarrimento Né essere né non essere Istinto di morte Neutro esistere anonimo Essere cancellato Pre-personale Idea di una esistenza che si fa senza di noi Essere senza nulla che non lascia aperture che non permette di sfuggire Il potere può essere esercitato solo sull’esistente ma non sull’essere “Il y a” è al … Continua a leggere

CORPO : RAPPRESENTAZIONE & INCARNAZIONE

Pare che i filosofi e la cultura contemporanea tutta abbia dei grossi problemi con *il corpo*. Magari ne straparlano, ci scrivono dei pamphlet e dei trattati ma, nei fatti, viaggiano esclusivamente nell’empireo delle idee, delle *RAPPRESENTAZIONI* solo dei contenuti della coscienza conoscente, nell’astrazione del pensiero più completa. Nietzsche vi ha dato inizio e tutti gli altri dietro. Parrebbe quindi che … Continua a leggere