EFFETTI DELLA MODERNITA’

Con la morte di Dio all’inquietudine spirituale si è sostituita l’indolenza, l’apatia frivola (nichilismo gaio) e la fiacchezza.
Si è reciso, in altri termini, il legame del soggetto con il proprio desiderio ; la mancanza di coraggio del soggetto nell’assunzione del proprio desiderio delegato, pigramente, vigliaccamente, ignaviamente alla TV, mass-media e chi più ne ha più ne metta….cinema, gossip eccetera.
La conseguenza è quella depressione nevrotica che tutto oramai permea, senza più stimoli senza stimolanti artificiosi preferibilmente cocainici.

Nient’altro che lo scivolare in quel vizio capitale dell’accidia di massa fatta di “assenza di cura” per alcunchè, noia, nausea, sconforto, disgusto e pigrizia elencati ben prima dai Padri della Chiesa che dalla Società Psicoanalitica Internazionale.
“Atonia dell’anima”

Lo scontro , oggi, è tra il Bene e il Male; tra la Chiesa e il Capitalismo
E’ lo scontro tra il proprio Desiderio e quello indotto.
Tra l’uscire da una Depressione Nevrotica o lo scivolare irrimediabilmente nella Psicosi Maniaco-Depressiva.
Tra salvare il proprio Desiderio e il suo inseparabile *Istinto di vita* o farselo divorare nella sua *Forclusione* dall’*Istinto di morte* e il suo trionfo dell'”oggetto sul soggetto”.

Ne “Il discorso del capitalista” Lacan lo esplica chiaramente come, d’altro canto, sempre lo stesso Lacan si affida all’autorità dei Padri della Chiesa per mettere in risalto lo statuto specifico di “peccato mortale” della depressione.
In gioco non è una malattia dell’umore o della volontà, ma una viltà, quella appunto di cedere sul proprio desiderio, del non volere sapere la Verità del proprio desiderio inconscio, che è il principio che orienta, invece, l’etica della psicoanalisi.
Riconoscere quindi nella colpa , che rapporta nella nevrosi il soggetto al proprio desiderio tradito e che si intreccia con la dimensione etica della responsabilità, il salutare richiamo alla domanda : “Avete agito in conformità al desiderio che vi abita ?”

EFFETTI DELLA MODERNITA’ultima modifica: 2016-03-30T17:00:52+02:00da allan11
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento