“ALL INCLUSIVE”

Parigi dal Maggio al Novembre

C’è un intenso processo nella nostra cultura per svuotare la gente di una qualsivoglia personalità propria al fine di renderli sempre più affini ed un rapido riempimento e svuotamento di cose, prodotti, oggetti solo materiali da sostituirsi poi sempre più rapidamente, più rapidamente, più rapidamente.
La catena di montaggio si è ora trasferita nella mente delle persone per il sempre nuovo e sempre uguale in tempi cronometrici sempre più ristretti.
Polli di allevamento intensivo distinguibili dagli originali solo per lo sfavillio delle luci e la musica a tutto volume dei luoghi dove si ritrovano in massa.

Le radici di tutto questo sono molto profonde.
Un secolo di marxismo ha procurato danni non indifferenti che proseguono tutt’ora a distanza di quasi trent’anni dalla sua fine politica ma non strutturale.
Permangono infatti quei modelli mentali sviluppatisi quand’era ancora in vita a cominciare dal principale, quello attraverso cui anche pensiamo :
Il Linguaggio.
Non si cancellano in un batter d’occhio abitudini mentali radicate come non mai prima di allora : il primato della Sociologia, ad esempio ; la convinzione, e le sue conseguenze, che il linguaggio abbia una origine sociale, ancora;
e non ultima questa idolatria per il *nuovo*, l’abbandono di ogni precedente *tradizione*, quella perenne idolatria per la *rivoluzione*, con tutto ciò che significava rispetto a ciò che c’era prima e che oggi è così perfettamente confacente a sempre nuovi gadget di consumo, insomma.

Il perno attorno al quale ruota tutt’ora la nostra esistenza si forma negl’anni ’70, quel periodo che segue al ’68 che ne aveva buttato i germogli ma che solo nel decennio successivo cresceranno come erbe rampicanti e gramigna invadendo il tutto.
Il Femminismo, ad esempio !
Oggi, in *politivally correct* si chiama *salute della donna* ma riporta sempre e solo le stesse oscenità iniziali, come pur anche *pari opportunità* per negare la libertà delle stesse di fare solo le mogli e le madri se gli pare.

Ma se andiamo ancora più in profondità sull’origine del tutto, ma proprio tutto tutto, ci ritroviamo sempre lui e solo lui : Nietzsche.
L’uomo che ha sostituito Dio con lui stesso.
Niente male !!

Sì, perché, stante la buzzurragine degli americani che, carichi come sono di complessi di inferiorità della loro atavica ignoranza, hanno da sempre importato a tonnellate la *cultura europea* , che di loro hanno solo Disneiyand e poch’altro. Ecco allora che dobbiamo guardare in casa nostra per capire da dove si è originato il tutto e…guarda un po’ proprio da quel mitico *Maggio francese* o, se vogliamo essere ancora più fiscali, proprio “parigino”.

E così il cerchio si chiude con un bel botto…anzi, sei o sette contemporaneamente !!!

“ALL INCLUSIVE”ultima modifica: 2015-11-24T17:59:02+01:00da allan11
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento