La peste del Progresso

Chi è abituato a confrontarsi quotidianamente con le miserrime argomentazioni dei fautori del Gender & Gay-friendly, noterà alcuni “mantra” che vengono ripetuti continuamente.
Il più “gettonato” è sicuramente quello della superiore civiltà dell’Europa del nord, Inghilterra, Stati Uniti eccetera.
Per contro, complementariamente, l’accusa per chi non si conforma, è quella di essere “retrogradi”, “medioevali” , fautori di un ritorno al passato e amenità simili.

Ora, questo è il mito tutt’ora vigente nell’inconscio dei più, nato con la Rivoluzione francese e che ha per nome Illuminismo.
Su detto mito si fonda l’Impero tutto, che di questa cecità si nutre grazie all’inconsapevolezza, seppure in buona fede, di miliardi di persone.

Nel nome del *NUOVO* ogni cosa è legittima.
Anzi, di più, solo ciò che è nuovo ha valore, dalle automobili agli esseri umani compresi.
Tutto si basa su questa ossessione collettiva di cui la *moda* è solo la punta dell’iceberg ma la cui parte sommersa è mille volte più mastodontica al punto da comprendere il tutto, il Sistema stesso, l’Impero, appunto.
Il paradigma nuovo=buono, in virtù del fatto che se oggi c’è qualcosa di migliore di ieri, grazie ad un cambiamento avvenuto nel passato, non implica affatto che tutto il nuovo è buono, perchè da un punto di vista della logica degli insiemi, è sbagliato.
Cambiare non è e non può essere condizione necessaria e sufficiente perché si possa affermare che il modello nuovo sia meglio del vecchio.
Non sto ad elencare le “cose nuove” che non sono state un bene per l’umanità, questo è un esercizio che lascio ad altri.
E’ ovvio ed evidente che la direzione dell’evoluzione è “in avanti”, ma non è sufficiente per farne un idolo.
Ogni conquista vera, non viene riconosciuta esattamente nell’attimo in cui nasce, ma è sempre sottoposta all’azione del tempo, era al giudizio delle persone che per fortuna nelle grandi cose è lento e passa attraverso diverse generazioni.
L’aereo è una buona cosa, la bomba ad idrogeno no.
Entrambe le cose stanno nell’insieme “nuovo”, ma non tutte e due, nell’insieme, una buona cosa, a detta degli abitanti di Hiroschima e Nagasaki.

Ecco che da qui possiamo cominciare a capire come stanno veramente le cose.
Nessuno si accorge, di di come questo *NUOVO* sia sempre il rovescio della medaglia di *MORTE*, fin dalla sua origine.

Prendiamo, ad esempio, l’ultimo modello del telefonino, ma questo vale per qualunque oggetto di consumo, dal primo all’ultimo.
Proprio perchè è stato appena acquistato, nello stesso preciso istante che questo avviene, per chi lo produce deve essere superato quanto prima rendendolo *morto* al fine che il *nuovo* modello possa essere bramato, compulsivamente desiderato e quindi di nuovo acquistato. A che numero siamo con l’I-Phone Apple ?
Ecco, ed è così senza fine !!
Nuovo e morte sono le due facce dello stesso oggetto. All’infinito.

Ecco quindi, come si può vedere, il *progresso* sia solo una illusione commerciale, oramai, prima di ogni altra cosa., atta a tenere in perenne movimento quella che è la sua anima :
LA MACCHINA, che, come si suole dire, è DEL PROGRESSO, appunto.
La troppa enfasi data al secondo dei due termini rende ciechi al primo, che ne è il vero padrone.
Oggi, ad essere vive sono solo le *macchine* e gli uomini solo suoi burattini.

Certo c’è poi chi le *Macchine* le possiede e chi solo ne acquista i prodotti.
E questi sono i CAPITALISTI .
Detto senza nessuna enfasi comunistoide ma solo da Liberale moderato e non radicale quale sono sempre stato, sia chiaro !

Quindi, riassumendo, c’è un POTERE, composto dai detentori delle MACCHINE, e miliardi di fessi che sono felici di esserne diventati degli ingranaggi per poter poi acquistare i sempre NUOVI prodotti delle MACCHINE dei detentori del POTERE.
Il tutto si chiama CAPITALISMO.

Ovviamente, a costoro, il CAPITALE dei PADRONI delle MACCHINE, conviene che la gente si illuda di essere in perenne PROGRESSO e non si accorga, invece, di essere solo dei poveri criceti che corrono come matti nella loro ruotina per essere poi sempre allo stesso punto.

Ecco cos’è il tanto decantato PROGRESSO !
Illusione per polli da allevamento a cui mass-media, cinema e tv contribuiscono massicciamente a tenere il loro cervello addormentato.
Ovviamente giornali ora su tablet, cinema 3D e tv 60 pollici. Ma la sostanza è sempre la stessa: lavare il cervello alla gente !!
Ecco cosa sono, quindi, i tanto evoluti USA & Europa comunitaria.

Una gabbia, solo una gabbietta per criceti, ma che devono restare stupidamente inconsapevoli.
E se per questo è utile farli sentire AVANTI, ben venga qualunque scemenza purchè NUOVA, meglio ancora che STUPISCA.
Da cui, appunto, l’etimologia della parola *stupido*.

Viva il NUOVO, per gente AVANTI, figli della civiltà PROGRESSISTA.

Bravi fessi !!!

La peste del Progressoultima modifica: 2015-08-27T13:31:28+02:00da allan11
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento