Andy Warhol attraverso Freud e Marx

L’avL’avvento di approcci teorici dell’arte che si è verificato nel ventesimo secolo ha prodotto effetti di ampia portata e di significativo nel mondo dell’arte. La distruzione di logo centric metanarrazioni negli anni che hanno preceduto e seguito la Grande Guerra ha prodotto una varietà di prospettive attraverso cui la società, l’individuo e il mondo dell’arte e della politica potrebbe essere inteso. Due delle più potenti e influenti visioni del mondo ad emergere dalle macerie dell’Europa erano le scuole del marxismo e psicoanalisi. Sia indirizzata e presentata ansie ritrovata e minacce per il mondo creato – realtà senza Dio, in cui il dominio, l’alienazione, la repressione e l’insurrezione erano parte integrante della nostra realtà. Nel mondo dell’arte, questo ha portato a una rivalutazione di opere pre-esistenti attraverso i prismi di socioeconomia e analisi psicoanalitica, e tutte le future opere dovesse essere sottoposto ad una miriade di punti di vista contrastanti e complementari, nel tentativo di decifrare la nuova realtà di un mondo nuovo. In termini semplici, utilizziamo teorie per spiegare e organizzare il mondo in cui viviamo Quando teorie sono spiegate brevemente, una necessaria riduzione della loro complessità e la ricchezza si verifica . Riconoscendo questa limitazione, ho scelto il marxismo e la psicoanalisi come due approcci per impegnarsi con un particolare opera d’arte. Nel mondo dell’arte, nessun artista incarna la natura frammentata, sfuggente, enigmatica e del XX secolo, meglio di Andy Warhol. Ho scelto di tra pret Warhol attraverso gli approcci di cui sopra , in particolare alla ricerca di una pittura, verde Bruciare auto , dal suo ‘Disaster La morte e’ una serie di 1962-1964. Questo offre una critica sociale-politico sul lato oscuro della vita americana negli anni Sessanta, che documentano i suicidi, incidenti auto, rivolte razziali, sedie elettriche e bombe atomiche. Da un punto di vista marxista, la preoccupazione di Warhol con il processo di produzione in un’opera d’arte, e il modo in cui ha cambiato il modo in cui il pubblico di massa consumato arte, è stato il suo più grande contributo all’arte moderna, e assicura la sua eredità. Egli ha sostenuto che dipinge solo ciò che amava: i soldi, celebrità, e il consumismo – che erano emblematico della realtà iper-industrializzata del dopoguerra democrazia di massa. Io sostengo che il grave tema del Green Car Bruciare serigrafia, e tutti i pezzi all’interno di quella serie, velatamente critica la situazione che il capitalismo ha lasciato la società in, e affrontare i sentimenti di alienazione promosse dal sogno consumista americano a cui l’Occidente mondo era, per allora, in gran parte stato programmato per aspirare.

Marxismo come movimento offre una critica della società capitalistica e presenta un materialista comprensione della storia. Si dà la priorità alla lotta delle classi sociali che, tiene, devono superare la loro privazione dei diritti civili attraverso la rivoluzione, al fine di ottenere il potere politico. Si tratta di un movimento che ha trovato il suo inizio negli scritti di Karl Marx e Friedrich Engels. Teorie sono state poiché costruito su questi testi, che hanno portato alla diversificazione all’interno del pensiero e della pratica marxista. E così, per quanto riguarda il lavoro di Warhol, e la conoscenza delle posizioni di opposizione e dinamico all’interno della teoria marxista in molte discipline, voglio restringere il focus di questa discussione alla teoria dell’alienazione di Marx. Ritengo che, mentre in superficie Warhol rappresentava capitalismo nella sua forma più pura, più leale e idolatrato, a un livello più profondo che stava criticando la tecnologia e il consumo di massa che serviva (e, anzi, serve) per intorpidire e ridurre la popolazione in uno stato di ordinarietà e di alienazione. Marx riteneva un’esperienza di alienazione è stato causato direttamente dal capitalismo. In quella capitalista processo del lavoro non si identifica con il prodotto del proprio lavoro -. Questo prodotto diventa un distinto, entità indipendente Attraverso il processo di lavoro, una persona che si vende come una merce, e, w gallina ridotto a merce, il . identità del sé si perde Così l’uomo, sentendosi ormai inutile, si impegna in un futile tentativo di porre fine al suo senso di perdita e di alienazione attraverso il consumo di materiale escalation. Una persona comincia a identificarsi con le loro merci, che trovano il loro carattere nella loro auto, ipod, cucina e attrezzature fai da te. Così, ‘tutti gli oggetti per lui diventano l’oggettivazione di se stesso … e oggetti [per lui saranno] confermare e realizzare la sua individualità una volta che diventano i suoi oggetti “(Marx, 1844, p.25) Questo processo si sviluppa attraverso la meccanizzazione della produzione industriale e la divisione del lavoro . Marx afferma ‘Abbiamo davanti a noi le oggettivate poteri essenziali dell’uomo sotto forma di sensuali alieni, oggetti, utili, in forma di estraniamento, visualizzata in industria materiale ordinario.’ (Marx, 1844, p.27) Come conseguenza di questo condizionamento, siamo stati moralmente alienato dalla pratica della modernità. Siamo diventati prevedibili, robot senza cervello, manipolati al punto che le materie prime hanno assunto le associazioni culturali, di schiavi per la generazione simultanea e il consumo di materie prime senza fine. I temi dominanti dell’opera di Warhol sempre origine in idee di produzione di massa e dei prodotti. Ha preso rappresentazioni attuali della realtà e riconfezionato loro per il consumo più e più volte, ridefinendo il significato del manufatto già esistente e impregnando con nuovo significato quando trasportati in un nuovo contesto . Quando guardiamo la serigrafia pittura verde brucia auto vediamo la stessa immagine prodotta più volte su quella tela. Questa ripetizione echeggia la ripetizione delle immagini in televisione e giornali. Diventa un commentario sulle comunicazioni di massa, nonché produzioni di massa. Vale la pena notare qui gli scritti di metà del XX secolo al dettaglio analista Victor Lebow. In un articolo intitolato concorrenza sui prezzi nel 1955 ha riconosciuto la consapevolmente applicata pressione che è essenziale al fine di mantenere alti livelli di consumo di massa. Secondo Lebow, il modo più potente per controllare i desideri era attraverso l’uso dei media. Egli ha prestato particolare attenzione alla televisione, che ha detto ‘realizza il […] i risultati in misura nessun altro mezzo di pubblicità si è mai avvicinato. Si crea un uditorio interessato [e] sostiene che il pubblico al indottrinamento più intenso. ‘ (Lebow, 1955, p.5)

La decisione di Warhol di replicare più volte la stessa immagine è un riflesso montaggio di questo baraging incessante della mente da immagini ripetitive. Mentre le sue opere più famose presentano molteplici rappresentazioni di icone celebrità e articoli per la casa, qui la sua scelta di immagine ci porta ad una più fa riflettere, morboso posto. In un’intervista con Gene Swenson Warhol racconta: ‘Quando si vede una foto raccapricciante più e più volte in realtà non ha un effetto.’ (Art News, 1963) Quello che vediamo in verde brucia auto è il gesto estremo verso l’alienazione capitalista, uno che affronta mercificazione su due livelli: in primo luogo, vediamo la mercificazione della morte presunta da parte dei media nella sua necessità di vendere giornali e generare pubblicità – la maggior parte delle immagini in questa serie sono state prese da articoli di giornale. In secondo luogo, incontriamo l’appropriazione apparentemente cinico e pessimista di morte dallo stesso artista nella produzione e nella vendita del suo lavoro. ‘significativo qui che le scene di carneficina e obliterazione umana sono il risultato diretto di incoscienza dell’uomo con una macchina, il massimo status symbol del dopoguerra, capitalista, l’utopia di periferia. Con il tradizionale ruolo simbolico di vetture trasgredito e sovvertito, le immagini di Warhol “, rappresentano una violazione della fiducia nei prodotti della rivoluzione industriale con prodotti di consumo che portano la morte ‘. (Warhol, 1988, p. 16)

Alienazione capitalista è forse più agghiacciante incarnata qui dalla figura in background che non ha nemmeno girare per vedere la macchina di fumare relitto, creando l’impressione che la carneficina è così banale e sempre presente per non garantisce una rapida occhiata. Attraverso il bombardamento sensoriale consistente dei mass media, e la realtà delle immagini saturi propagato dal capitalismo, tutte le qualità che si possono considerare come essenzialmente umano (la compassione, l’empatia, l’altruismo) sono sommersi dalla riduzione di tutti i fenomeni allo status di intrattenimento usa e getta. Warhol agisce qui come un oracolo dell’era attuale, in cui l’esecuzione videoregistrato di dittatori è derubato di ogni significato storico e ridotto al livello di mera foraggio per insaziabile appetito del consumatore per la momentanea distrazione. Le vittime di incidenti auto stesse sono senza nome, oggetti disumanizzato di uno spettacolo dell’orrore. Essi incarnano l’uomo comune americano, il senza volto, uomo qualunque sconosciuto, sono (Warhol, 1988, p16,) Essi incarnano l’uomo comune, spezzato e ha trascorso negli ingranaggi di svolta del ‘incognite sociali, la sofferenza che è stata chiamata catastrofi plebee.’ un sistema che promette un sogno americano e fornisce un incubo monolitico.

Teoria marxista, come abbiamo visto, interpreta la realtà sociale attraverso le modalità di produzione e distribuzione, e le corrispondenti costrutti autoritarie che caratterizzano l’ordine sociale capitalistico. Teoria psicoanalitica, invece, si concentra sulla vita psichica di individui, non masse nel suo complesso. Studiando le nevrosi particolari, preferenze sessuali, repressioni e desideri del singolo artista, il teorico psicoanalitico mira a spiegare i processi creativi che hanno portato il lavoro finito. A questo punto sarò REFERENCING l’opera di Freud, in particolare concentrandosi sullo sviluppo delle unità. Un disco, per Freud, è la richiesta biologica sulla vita cerebrale. La mente deriva dal lettore (Ego da Id). Un disco ha un fondamento (bisogni corporali), uno sforzo interno (rimozione temporanea del corpo ha bisogno), un tentativo esterno (misure adottate per raggiungere l’obiettivo finale dello scopo interno) , e un oggetto. Non abbiamo mai sperimentiamo l’unità stessa, solo la sua manifestazione o idea nella mente. In generale le unità sono collegate a istinti sessuali. Da un punto di vista psicoanalitico, verde brucia auto mostra alcuni degli elementi coinvolti nella teoria di Freud per quanto riguarda le unità, soprattutto le pulsioni di morte che sono inserita nella nostra coscienza. Per un certo numero di anni nel Sessanta Warhol era preoccupato per la morte e le rappresentazioni della morte. E ‘generalmente riconosciuto che egli era timoroso della sua morte corporale, così come il concetto di morte, egli è citato come dicendo’ io non ci credo, perché non sei in giro per sapere che è successo. Non posso dire nulla perché non sono preparato per essa ‘. (Warhol, 1988, p.123) Si può affermare che questa evasione intenzionale della prospettiva della propria morte si manifestava nella ripetizione ossessiva e rivisitazione di immagini macabre nella sua opera.
Freud ha tentato di accertare perché le persone sono attratte da ripetere eventi traumatici. Egli era particolarmente interessato a questo come ad una coazione a ripetere questi eventi esiste, come sembra in contrasto con ciò che afferma come il nostro istinto di base -. Ricerca del piacere In Al di là del principio di piacere (Freud, 1920), l’ egoista e libidica unità che caratterizzano gran parte del lavoro di Freud sono soppiantati dalla vita e pulsioni di morte. Freud ha analizzato i sogni post-traumatici dei soldati, in cui sembrava irrimediabilmente attirata rivivere le esperienze più terribili della loro vita in un modo che suggeriva un rifiuto masochistico di abbandonare il passato doloroso di memoria semplice. Freud è venuto l’idea di ‘ripetizione compulsiva’ mentre si guarda il nipote giocare a un gioco chiamato fort / da, in cui egli avrebbe compulsivamente buttare via i suoi giocattoli e poi recuperarli, in un gioco di sparizione e riapparizione. Il bambino sembrava soddisfatto inducendo i giocattoli di essere ‘spariti’, assaporando il loro successivo reinserimento . Questa azione è stata ‘ripetuto instancabilmente’ (Freud, 1920, p.599). L’emanazione di una esperienza angosciante come un gioco era controintuitivo per il principio di piacere e di idee pre-esistenti di gioco. Freud sembrava pensare che questa scomparsa del giocattolo è stato di fatto il modo del bambino di controllare la sensazione di perdita quando la madre partì per periodi di tempo. ‘La sua partenza ha dovuto essere emanato come un preliminare necessario per il suo ritorno, e che era in [questa] giaceva il vero scopo del gioco’ (Freud, 1920, P.600). By attivamente riproducendo l’azione della scomparsa, il bambino individua un piacere che consente di tollerare l’assenza della madre.

Freud ha concluso che, in contrasto con il nostro desiderio di piacere è stato un impulso simbiotico e apparentemente controintuitivo verso la perdita e il dolore. Egli postulò che, in ultima analisi, siamo animati da una spinta fondamentale verso quella che termina ogni sofferenza -. Morte è “un bisogno insito nella vita organica per ripristinare uno stato precedente delle cose”, e come l’inorganico precede l’organico “, il scopo di tutta la vita è la morte “(Freud, 1920, pp.612-613), Freud sottolinea che l’istinto di morte è così profondamente intrecciata con la voglia di vivere che non possono essere separate.:

la pulsione rimossa non cessa di lottare per la completa soddisfazione, che consisterebbe nella ripetizione di un’esperienza primaria di soddisfazione … il percorso a ritroso che porta alla completa soddisfazione è di regola ostacolato dalle resistenze che mantengono le repressioni (Freud, 1920 , p.616)

Queste resistenze sono quelle di norme e valori, il concetto che si dovrebbe amare il prossimo, se volete essere parte di una vita familiare e sociale della società. Freud ritiene che il concetto di amare il prossimo tuo è controintuitivo per i nostri processi istintuali. Questo è come viene controllata la società civile e come conseguenza di questo, una rabbia latente risiede sepolto nella coscienza sia proiettata verso l’interno o verso l’esterno nei confronti del mondo. impulsi che giacevano nel ‘Id’ (la parte di una personalità che contiene i nostri impulsi primitivi come il sesso, la rabbia e la fame) non sono appropriati nella società civile, così la società lavora per modificare il principio di piacere. Nella visione di Freud, il comportamento auto-distruttivo è l’espressione dell’energia creata dalle pulsioni di morte. Quando questa energia è diretta verso l’esterno su altri, si è espresso come l’aggressione e la violenza. Ha concluso che le persone hanno un desiderio inconscio di morire, ma che questo desiderio è in gran parte mitigata dalle pulsioni di vita.
In una rappresentazione palese di ripetizione compulsiva, Warhol costantemente tornò a ripetere all’infinito le immagini di morte e distruzione. Warhol preoccupazione con la morte, specialmente morti violente in cui le persone avevano preso rischi (e deviato dalle norme socialmente imposti Freud vedeva come la soppressione dei nostri desideri naturali e istinti) saltando da edifici alti, commettere crimini che portano alla pena capitale e, nel caso del Green Car brucia , un uomo sospettato di un mordi e fuggi incidente, inseguito ad alta velocità da parte della polizia contenere un sottotono minaccioso. Quest’uomo, impalato su un palo serve da monito per tutti coloro che tentano di sovvertire norme sociali attraverso comportamenti devianti. L’aspetto le immagini in un giornale è intenzionale per conto di coloro che significa per mantenere l’ordine. In caso di Warhol però, non è il messaggio della fotografia che lo incuriosisce. Per Warhol questa preoccupazione o ossessione coinvolti distacco e distanza, come il soggetto escalation di intensità così lo stile del pezzo è diventato sempre più trasparente. Se dobbiamo credere nel lettore per la morte, allora è auto inconsciamente represso di Warhol che lo sta spingendo in avanti in modo ripetitivo perseguendo immagini traumatiche e pensieri di morte, nonostante la sua evidente la paura e la voglia di rimanere in vita. Come un modo di affrontare le sue paure, proprio come il bambino, cerca di ottenere il controllo di questo trauma prendendo l’orrore della morte e la desensibilizzazione la sua presenza. Ha media l’immagine dalla sua scelta di colore verde opaco, evitando i colori primari, che rafforzano la distanza tra se stesso, lo spettatore e l’immagine presentata. Questa distanza viene mantenuta anche in relazione al mezzo con cui l’immagine è stata catturata, rimanendo due volte rimosso dalla neutralità del tiro telecamera e attraverso la sua riproduzione nel giornale. Warhol può quindi rispondere alla immagine della morte, la morte, e non per sé. Nel riprodurre l’immagine che imita e diminuisce l’orrore e l’impatto della morte, fino a ‘[…] il significato va via, [e si sente] meglio e più vuoto.’ [Warhol, ca 1963]




La ripetizione che caratterizza tanta parte dell’opera di Warhol può essere interpretato in modi diversi secondo il marxismo e la psicoanalisi. La mia lettura marxista presenta questo come simbolo della sedazione di massa della borghesia attraverso la saturazione dell’immagine, qualcosa che priva l’individuo di agenzia, l’empatia, e, in ultima analisi, la mobilità sociale. La mia visione psicoanalitica presenta questo come il tentativo del singolo artista per sublimare le sue ansie circa la morte in un gioco infantile di ripetizione, che porta ad un torpore confortante. Entrambi gli approcci teorici trarre conclusioni che, pur superficialmente abbastanza simili, sono disegnati da molto diversi approcci interpretativi. Marxismo, con il suo approccio materialista alla realtà, vede la macchina come un agente di mobilità sociale, simbolo di consumistica vanità, e un veicolo di distruzione ultimo dell’uomo. La psicoanalisi vede il relitto carbonizzato della vettura come la manifestazione ultima della potente pulsione di morte della Id, un emblema della latente impulso distruttivo in tutta l’umanità. Uno dei punti più importanti da notare è che mentre tali letture offrono intuizioni feconde nel lavoro di un artista , limitando le interpretazioni di un approccio teorico specifico crea un pericolo di ignorare gli altri componenti attivi imbevuti nella produzione dell’artista. La psicoanalisi come disciplina è finito nel mirino per le sue origini nei costumi sociali del patriarcale dell’Ottocento Vienna, ad esclusione dei marxisti, femminista, e di altri punti di vista. Vorrei sottolineare, inoltre, che una lettura distinta in un approccio non è sempre possibile, come diversi approcci teorici spesso si sovrappongono, come si è spesso tratti da o influenzato da un altro. In questo caso ci sono elementi di teoria marxista che si sovrappongono con le idee base della teoria psicoanalitica. Lo stato psicologico (psicoanalisi) di un individuo è insito nel modo in cui la minoranza – secondo Marx, la borghesia – mantenere ed esercitare il controllo sulle masse (marxismo), e informa ugualmente le pulsioni istintuali (psicoanalisi) che abitano sia il nostro conscio e inconscio stessi, che a sua volta determina il modo in cui noi governiamo la società (Marx). Questa fusione dei principi del marxismo e psicoanalisi, nel tentativo di interpretare il mondo può essere esemplificato in una citazione da stesso Warhol;

‘Non penso mai che le persone muoiono. Che basta andare ai grandi magazzini ‘. [No data]
 

L’avvento di approcci teorici dell’arte che si è verificato nel ventesimo secolo ha prodotto effetti di ampia portata e di significativo nel mondo dell’arte. La http://mojopriestess.blogspot.it/2012_02_01_archive.htmldistruzione di logo centric metanarrazioni negli anni che hanno preceduto e seguito la Grande Guerra ha prodotto una varietà di prosL’avvento di approcci teorici dell’arte che si è verificato nel ventesimo secolo ha prodotto effetti di ampia portata e di significativo nel mondo dell’arte. La distruzione di logo centric metanarrazioni negli anni che hanno preceduto e seguito la Grande Guerra ha prodotto una varietà di prospetL’avvento di approcci teorici dell’arte che si è verificato nel ventesimo secolo ha prodotto effetti di ampia portata e di significativo nel mondo dell’arte. La distruzione di logo centric metanarrazioni negli anni che hanno preceduto e seguito la Grande Guerra ha prodotto una varietà di prospettive attraverso cui la società, l’individuo e il mondo dell’arte e della politica potrebbe essere inteso. Due delle più potenti e influenti visioni del mondo ad emergere dalle macerie dell’Europa erano le scuole del marxismo e psicoanalisi. Sia indirizzata e presentata ansie ritrovata e minacce per il mondo creato – realtà senza Dio, in cui il dominio, l’alienazione, la repressione e l’insurrezione erano parte integrante della nostra realtà. Nel mondo dell’arte, questo ha portato a una rivalutazione di opere pre-esistenti attraverso i prismi di socioeconomia e analisi psicoanalitica, e tutte le future opere dovesse essere sottoposto ad una miriade di punti di vista contrastanti e complementari, nel tentativo di decifrare la nuova realtà di un mondo nuovo. In termini semplici, utilizziamo teorie per spiegare e organizzare il mondo in cui viviamo Quando teorie sono spiegate brevemente, una necessaria riduzione della loro complessità e la ricchezza si verifica . Riconoscendo questa limitazione, ho scelto il marxismo e la psicoanalisi come due approcci per impegnarsi con un particolare opera d’arte.tive attraverso cui la società, l’individuo e il mondo dell’arte e della politica potrebbe essere inteso. Due delle più potenti e influenti visioni del mondo ad emergere dalle macerie dell’Europa erano le scuole del marxismo e psicoanalisi. Sia indirizzata e presentata ansie ritrovata e minacce per il mondo creato – realtà senza Dio, in cui il dominio, l’alienazione, la repressione e l’insurrezione erano parte integrante della nostra realtà. Nel mondo dell’arte, questo ha portato a una rivalutazione di opere pre-esistenti attraverso i prismi di socioeconomia e analisi psicoanalitica, e tutte le future opere dovesse essere sottoposto ad una miriade di punti di vista contrastanti e complementari, nel tentativo di decifrare la nuova realtà di un mondo nuovo. In termini semplici, utilizziamo teorie per spiegare e organizzare il mondo in cui viviamo Quando teorie sono spiegate brevemente, una necessaria riduzione della loro complessità e la ricchezza si verifica . Riconoscendo questa limitazione, ho scelto il marxismo e la psicoanalisi come due approcci per impegnarsi con un particolare opera d’arte.pettive attraverso cui la società, l’individuo e il mondo dell’arte e della politica potrebbe essere inteso. Due delle più potenti e influenti visioni del mondo ad emergere dalle macerie dell’Europa erano le scuole del marxismo e psicoanalisi. Sia indirizzata e presentata ansie ritrovata e minacce per il mondo creato – realtà senza Dio, in cui il dominio, l’alienazione, la repressione e l’insurrezione erano parte integrante della nostra realtà. Nel mondo dell’arte, questo ha portato a una rivalutazione di opere pre-esistenti attraverso i prismi di socioeconomia e analisi psicoanalitica, e tutte le future opere dovesse essere sottoposto ad una miriade di punti di vista contrastanti e complementari, nel tentativo di decifrare la nuova realtà di un mondo nuovo. In termini semplici, utilizziamo teorie per spiegare e organizzare il mondo in cui viviamo Quando teorie sono spiegate brevemente, una necessaria riduzione della loro complessità e la ricchezza si verifica . Riconoscendo questa limitazione, ho scelto il marxismo e la psicoanalisi come due approcci per impegnarsi con un particolare opera d’arte.vento di approcci teorici dell’arte che si è verificato nel ventesimo secolo ha prodotto effetti di ampia portata e di significativo nel mondo dell’arte.
La distruzione di logo centric metanarrazioni negli anni che hanno preceduto e seguito la Grande Guerra ha prodotto una varietà di prospettive attraverso cui la società, l’individuo e il mondo dell’arte e della politica potrebbe essere inteso. Due delle più potenti e influenti visioni del mondo ad emergere dalle macerie dell’Europa erano le scuole del marxismo e psicoanalisi. Sia indirizzata e presentata ansie ritrovata e minacce per il mondo creato – realtà senza Dio, in cui il dominio, l’alienazione, la repressione e l’insurrezione erano parte integrante della nostra realtà. Nel mondo dell’arte, questo ha portato a una rivalutazione di opere pre-esistenti attraverso i prismi di socioeconomia e analisi psicoanalitica, e tutte le future opere dovesse essere sottoposto ad una miriade di punti di vista contrastanti e complementari, nel tentativo di decifrare la nuova realtà di un mondo nuovo. In termini semplici, utilizziamo teorie per spiegare e organizzare il mondo in cui viviamo Quando teorie sono spiegate brevemente, una necessaria riduzione della loro complessità e la ricchezza si verifica
. Riconoscendo questa limitazione, ho scelto il marxismo e la psicoanalisi come due approcci per impegnarsi con un particolare opera d’arte.

Andy Warhol attraverso Freud e Marxultima modifica: 2013-05-28T17:30:00+02:00da allan11
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento