§ 71 : Santi & Superuomini

Forse perchè stanchi e appagati nella lettura di “Il mondo come volontà e rappresentazione” di Schopenhauer si tende a trascurare l’ultimo paragrafo, il n.71. “…le nostre cosiderazioni c’indussero a vedere nalla santità perfetta la negazione e il sacrificio del volere, tendenti a una liberazione definitiva dal mondo e dai suoi dolori: il risultato logico e finale non può dunque essere, per noi, che il … Continua a leggere

ALLE RADICI DEL RELATIVISMO

Il termine apollineo-dionisiaco fu introdotto nell’uso filosofico da Friedrich Nietzsche in “La nascita della tragedia” per indicare la componente serena, armonica, luminosa dello spirito greco espressa esemplarmente dalla figura del dio Apollo, in opposizione alla componente passionale, dolorosa, oscura espressa esemplarmente dalla figura del dio Dioniso. Ma è da Schopenhauer, di cui Nietzsche è stato profondamente influenzato al punto da … Continua a leggere

IL CONSUMO SENZA QUALITA’

Il leitmotiv che più ossessivamente ci propinano è quello della necessità che “ripartano i consumi”. Consumi…, così, senza specificare di che cosa. I consumi e basta. Poiché così poi circola più denaro. A che scopo ? Di altri consumi che, si presume, altrettanto inutili. Perché l’imperativo è il consumo in sé e non la sua qualità. La quantità basta e … Continua a leggere

SHERPA

Il pervicace restare arenati alla categoria di pensiero “rivoluzionario” inaugurata dal ’68 e ribadita nel ’92, che vedono sempre gli stessi “interpreti”, solo un po’ cresciuti di età ma non di cervello, lo si può constatare nella *decostruzione* del modello giuridico imperante, in tutto e per tutto bloccato sul modello inaugurato da Franco Basaglia negl’anni tra gli argini di quelle … Continua a leggere

BORDERLINE

Perché tanta gente crede a tutto quello che gli dicono i mass-media ? Perché crede a tutte quelle cose a cui io, e tanti come me, non credono ? A cosa è dovuta questa diversità ? Io credo che, mettendomi nei loro panni, senza nessuna ostilità, qualcosa si possa arrivare a comprendere. Risentiamo ancora, in modo cospicuo, di quello che … Continua a leggere

MOWGLI STORY

Certo è profondamente irritante constatare come passerà sotto silenzio la plateale conferma della MIMESI di questa bambina allevata dalle scimmie. L’hanno chiamata come l’interprete del cartone animato “Il libro della giungla” e tutto si fermerà lì. Se fosse stata un maschio l’avrebbero probabilmente chiamato Tarzan, ma niente di più. Tutto si arenerà nella stupidita abissale della sola superficie delle cose. … Continua a leggere

MOWGLI GIRL

Ora, a quelle “mentine” di giudici che affidano bambini alla cazzo di cane, cosa gli dirà questo video ? La storia di questa bambina ? Nei loro micro cervelli-vongola capiranno qualcosa di psicologia infantile e di come si sviluppa ed evolve la psiche del fanciullo o rimarranno eternamente “ottusangoli” quali sono ? Se un bambino lo fai crescere con una … Continua a leggere

CERVELLOTISMI

«Un altro giorno volli saltare attraverso una palude che, a prima vista, non mi era parsa larga come di fatto la trovai quando mi vidi proprio in mezzo ad essa. Allora tornai al punto di partenza, lanciai di nuovo il cavallo al salto, ma presi ancora lo slancio troppo breve, tanto che caddi vicino alla riva opposta, tuffato fino al … Continua a leggere

POLITICA

Ogni situazione politica è espressione di un parallelo problema psichico presente in milioni di individui. Problema che è in gran parte inconscio (il che lo rende particolarmente pericoloso!)… le forze distruttive sono anche in noi, più esse sono inconsce, più sono pericolose… (C.G. Jung – Lettere) Come psicologo sono profondamente interessato ai disturbi mentali, in particolare quando contagiano intere nazioni. … Continua a leggere

MENZOGNA E SORTILEGIO

Il politically correct è quel linguaggio, intrinsecamente bugiardo, che vorrebbe eliminare la violenza e l’odio dalle parole nell’illusione che questo basti per pacificare gli uomini e contemporaneamente annega in un mare di menzogne sempre più irritanti che poi cerca di esorcizzare ancora una volta con le parole chiamando il tutto “populismo” sperando che questo basti, magicamente, per non essere spazzato … Continua a leggere